Torna alla regione TOSCANA

  Collabora con il Sito

   
  
   
 
  
    
   

Foto del fantasma di Poppi

  A cura dell Staff

     

  Castello dei Conti Guidi (Poppi - Arezzo)

a cura di Morettini Michele

        

CENNI STORICI

Veduta frontale del castelloIl castello venne fondato dai Conti Guidi, antica famiglia nobile Toscana, della quale si hanno notizie fin dal X░ secolo. Di questa famiglia si ricordano i due fratelli, Simonte, conte di Battifolle e Guido Novello, conte di Modigliana, vissuti nella seconda metÓ del XIII░ secolo ed esercitanti il proprio potere nel casentino. Il castello rimase in possesso dei Conti Guidi fino al 1440 quando per il tradimento del conte Francesco, che si era alleato col Duca di Milano contro i Fiorentini, pass˛ alla Repubblica Fiorentina che ne fece la sede del Vicariato del Casentino. Al conte di Battifolle gli storici attribuiscono la costruzione o la ricostruzione del castelIl castello ripreso da dietrolo nel 1274. Nonostante gli interventi operati a distanza di tempo sul castello, non Ŕ stato modificato il primitivo aspetto del complesso, il quale esprime potenza ed intenzioni di difesa. Il portone principale del castello introduce nel cortile, nel quale possiamo trovare successivi elementi quali la SCALA DEL TORRIANI, i BALLATOI IN LEGNO e la COLONNA ECCENTRICA di sostegno al tetto sostenuta da mensole sovrapposte. Molto importante Ŕ la BIBLIOTECA, per le centinaia di manoscritti medievali e di incunaboli, all'interno della quale un cartello alla porta indica che al suo interno regnano ancora gli spettri dei letterati. 

LA LEGGENDA

Statua del Conte traditoSono principalmente due le storie che aleggiano intorno al castello di Poppi. Una riguarda uno dei primi conti Guidi. All'interno del castello, in cima ad una scalinata troviamo la sua statua come struttura portante. Tradito dalla moglie, si dice che, dopo la sua morte, ogni qualvolta ella passasse sulla scala insieme ad uno dei suoi amanti, la statua del conte si muovesse e girasse la testa per scrutarla. Inoltre si dice che baciare le "parti intime" della statua del conte porti fortuna alle donne. La seconda storia riguarda la Contessa Matelda la quale raggirava i giovani pi¨ belli che vivevano nei pressi del castello, facendo credere loro che si sarebbero recati al castello per lavorare. In realtÓ la contessa faceva di loro i suoi amanti e poi li uccideva. Un giorno le madri dei giovani, non ricevendo pi¨ loro notizie, fecero una rivolta e scoperto l'accaduto fecero rinchiudere Matelda in una torre del castello e lý venne murata viva fino alla sua morte. Si dice che  il suo spettro, ancora oggi si aggiri per i locali del castello.

 

Le mura del castello

Il plastico del castello

     

          

   Segnala questo articolo

Informazioni o Contatti

   Torna su